Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sul pulsante.

Laboratorio di scrittura narrativa 3

La casa sotterranea: la trama

Mercoledì ore 18.30-20.30

con Antonella Cilento


Il terzo livello annuale è composto di 3 trimestri di 12 incontri ciascuno.
È aperto a chiunque abbia già seguito il primo e il secondo livello di corso.

Età: 16 - 100
Max 30 partecipanti


narrativa3


mercoledì 3, 10, 17, 24 e 31 ottobre | 7, 14, 21 e 28 novembre | 5, 12 e 19 dicembre 2018

Da tutte le stanze dove le donne dormivano… (il primo atto e i suoi luoghi)

In molti modi possiamo iniziare una storia, ma quel che conta è non correre, se non è necessario, e nemmeno rimandare all’infinito l’avvio: il primo atto nel disegno dell’azione complessiva chiede il giusto tempo, la più accorta delle precisioni.
Un luogo chiaro, uno spazio drammatico, i personaggi che lo abitano, un dramma. È qui che si trovano le ragioni del racconto (o del romanzo), in quel paesaggio animato in cui brulica la promessa di un’azione. 


mercoledì 9, 16, 23 e 30 gennaio | 6, 13, 20 e 27 febbraio | 6, 13, 20 e 27 marzo 2019

A mano a mano che la vicenda si faceva appassionante la sua voce saliva… (il secondo atto e le svolte)

 La parte più difficile da scrivere è la vita: nascere, morire, son cose semplici, spesso non dipendono da noi; ma vivere, generare, fare errori e rialzarsi, lottare per esistere, amare e farci amare, intessere relazioni, superare delusioni: questo accade nel secondo atto della nostra vita e dei racconti, dei romanzi. Qui, chi scrive ha fretta, pensando che l’approdo si possa raggiungere con rapidità, prova ansia d’annegare nella trama. E chi invece indugia cerca di non compiere azioni decise, di lasciar correre il tempo così la fatica scade, senza il peso della decisione. E invece chi scrive tiene il filo, come le Parche: svolte, ostacoli, climax, punto di non ritorno (e parecchie altre seccature che competono alla vita). 


mercoledì 3, 10 e 17 aprile | 8, 15, 22 e 29 maggio | 5, 12, 19 e 26 giugno | 3 luglio 2019

Dicono che non venne mai catturata (il terzo atto: la trasformazione)

E poi finisce. Una storia ben congegnata si conclude, arriva al terzo atto: qualcuno ha imparato, qualcuno no, qualcuno è ancora vivo, altri ci hanno salutato. Il terzo atto dà sorprese, fa bilanci, porta a termine l’attesa del lettore e non lo delude. L’arte difficile dei finali e i suoi risvolti in questo


Termine iscrizioni 20 settembre 2018 30 settembre 2018, vedi pagina Iscrizioni e Costi


Antonella Cilento

Antonella Cilento(Napoli, 1970), scrittrice e giornalista, ha creato il Laboratorio Lalinescritta nel 1993, tra i primissimi in Italia a proporre l'insegnamento della scrittura creativa. lI suo ultimo libro è Morfisa o L'acqua che dorme (Mondadori 2018). Con Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori 2014) è stata finalista del Premio Strega 2014, e Premio Boccaccio 2014 (romanzo tradotto in Francia, Germania, Spagna e Lituania, e in via di traduzione in Corea). I suoi romanzi sono tradotti in Spagna, Germania, Francia, Lituania. Collabora con Il Mattino, Il Corriere della Sera e ha collaborato con L'Indice dei libri del mese, Il Sole 24 Ore, Grazia. Un suo manuale dedicato alla scrittura creativa è stato pubblicato da Simone Editore nel 2000: A. Cilento e A. Piedimonte, Scrivere. Guida ai mondi della parola scritta. Ha scritto numerose opere per il teatro e per il cinema...

Copyright © 1993 - 2016 Associazione Culturale Aldebaran Park - Lalineascritta Laboratori di Scrittura
Sede legale: via Caravaggio, 30 - 80126 Napoli | Codice Fiscale 94141660632

Le Opinioni e i Contenuti all'interno de lalineascritta.it esprimono esclusivamente il parere dei rispettivi autori.