LalineaArte

Laboratori di Arti Visive

Raccontare con le immagini

Sei incontri di disegno e pittura creativa | dodicesima edizione

con IOLE CILENTO

Gennaio - Giugno 2024
Sabato h. 10-13.00 / 14-17

Raccontare con le immagini  - Laboratorio di disegno e pittura creativa

6 Sabati di disegno e pittura creativa per tutti

27 gennaio / 24 febbraio
23 marzo / 27 aprile
25 maggio / 22 giugno 2024

h 10-13, 14-17

Dal vivo con prenotazione – posti limitati e materiali di lavoro inclusi

La sequenza degli incontri è concepita come un percorso continuativo, ma è possibile anche acquistare coppie di incontri consecutivi secondo le aree tematiche del programma.

 

Approccio, metodo e spirito

Come nasce un’immagine e cosa vuol dire saper disegnare o dipingere?

Occorre innanzitutto acuire i sensi e lasciar scorrere gli stimoli e le emozioni nel corpo.

A volte le immagini ci attraversano come un lampo e quando proviamo a metterle su carta qualcosa s’inceppa e il risultato non corrisponde alle intenzioni.

Ci mancano gli strumenti e siamo propensi a credere che dovremmo imparare una tecnica: la matita, l’acquerello, l’olio… oppure ci preoccupiamo della verosimiglianza delle figure, anche se i più grandi artisti sanno che riprodurre la realtà è solo una piccolissima parte delle capacità che è necessario sviluppare.

Tutte cose utili e importanti, ma sappiate che anche chi ha acquisito tali conoscenze può incorrere nello stesso problema.

Molto più spesso infatti quel che ci manca sono strumenti percettivi e linguistici, che hanno a che fare con l’ascolto di sè, la consonanza tra emozione e gesto, e la consapevolezza dell’impatto visivo che forme e colori possono avere. Nel nostro percorso incontreremo materiali e tecniche diversi ma anche molti temi letterari, che ci aiuteranno a comprendere il potere evocativo delle immagini e i suoi codici espressivi, per assonanza con le forme del discorso a molti di noi più familiari.

A qualunque livello di pratica voi siate, che vogliate usare quest’esperienza per la vostra professione o per il vostro puro piacere, se avete l’obiettivo di illustrare un racconto, proporre nuovi stimoli ai vostri studenti o semplicemente mettervi alla prova: venite a provare i giochi e gli esercizi nati dalla pratica d'artista per stimolare l’immaginazione e approfondire il linguaggio dei segni e del colore, potrete scoprire potenzialità espressive nuove e inaspettate.

Programma degli incontri


La selva oscura – caos ed equilibrio

sabato 27 gennaio e 24 febbraio 2024
h 10.00 -13.00 /14.00 -17.00

Conoscere e padroneggiare il linguaggio dei segni grafici è il primo passo per rendere intensa una composizione: che si utilizzino punti, curve o spigoli ogni linea contribuisce a trasmettere senso e ci chiede verità, adesione al nostro stato d’animo e a ciò che vogliamo esprimere.

Da Kandinskij a Magritte le avanguardie si sono confrontate col grado zero del disegno e della composizione, cercando di individuarne i meccanismi e le implicazioni.

In queste giornate sperimenteremo esercizi per ingannare la mente e stimolare l’inconscio, come il disegno automatico o il cadavere squisito.

Faremo un viaggio nel mondo del suminagashi, l’antica arte orientale degli inchiostri galleggianti, e nelle kleksografie, per scoprire il potere immaginifico della macchia e delle sue infinite variazioni, e ad ogni tappa analizzeremo insieme i risultati per comprendere il valore energetico del segno e i rapporti dinamici tra pieno e vuoto, tra caos e struttura.

Eroe e antieroe – corpo, azione e forma

sabato 23 marzo e 27 aprile 2024
h 10.00 -17.30

Molti artisti del nostro tempo, da Dubuffet a Munari, hanno sottolineato l’importanza del pensiero infantile e della libera associazione nella concezione di un’opera. Leonardo nei suoi scritti racconta come trovare ispirazione per paesaggi e scene di battaglia osservando lungamente le macchie di umidità sui muri: questo meccanismo, che abbiamo messo in atto tutti sin da bambini, ad esempio osservando le nuvole, è la base del nostro potere d’invenzione.

In questa fase inizieremo a utilizzare l’intensità del segno e della macchia in figure e scene d’azione entrando nella spina dorsale dei personaggi per metterli in movimento. Scopriamo chi vorremmo essere e chi non vorremmo incontrare, che aspetto hanno i nostri fantasmi e quanto siano funzionali alle nostre invenzioni grafiche e pittoriche.

Da Giacomo Balla a Keith Haring la figura umana si è disgregata e ricomposta mille volte alla ricerca della sua essenza e del suo motore, ma poiché le nostre origini affondano nel mito, per capire veramente chi siamo esploreremo il rapporto inconscio che abbiamo con le forme e le figurazioni animali e vegetali, che sono spesso i luoghi delle nostre pulsioni più antiche e insieme gli archetipi di molte simbologie.

E il naufragar m’è dolce in questo mare – luce, contrasti e colore
sabato25 maggio e 22 giugno h 10.00 – 13.00 /14.00 -17.00

Da sempre il colore ha un fascino ancestrale per noi; in tutte le epoche gli artisti lo hanno usato come catalizzatore di sguardi: a dispetto dei cambiamenti di gusto e di stile, siamo sempre colpiti dalla sua forza nei capolavori di Grunewald come in quelli di Rothko. Il colore non è solo un dato fisico, ma veicola significati ed emozioni diverse per ognuno.

Possiede sopra tutto la qualità rara dell’intensità estrema, sia contemplativa che passionale; non a caso per secoli lo si è associato al messaggio religioso e spirituale.
Le teorie sul colore sono tantissime e in perenne evoluzione, dal disco cromatico di Itten alle neuroscienze, ma esplorandole e confrontandoci con culture diverse, scopriremo, come già intuiva Goethe, che ogni interpretazione del colore è del tutto soggettiva.

C’è un legame speciale tra gamma cromatica e sensibilità personale che si può individuare solo sperimentando.

In queste giornate ci dedicheremo alle tecniche più adatte a indagare la  tavolozza di ciascuno e il rapporto associativo con le emozioni; osserveremo che il colore è ritmo, accento o sottofondo, non diversamente dalla musica, e in tutte queste forme può mettersi al servizio delle nostre composizioni e stimolare l’invenzione.


Si raccomandano abiti comodi e sporcabili anche se ci saranno a disposizione camici o grembiuli

Chi conduce

Iole Cilento

Iole Cilento 150

Artista, scenografa e illustratrice, è docente nel dipartimento di scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; precedentemente ha insegnato presso le Accademie de L'Aquila, Catanzaro, Foggia e Frosinone.
Come libera professionista nell’ambito della progettazione, ideazione e realizzazione scenografica, ha collaborato con diverse compagnie teatrali e Festival di produzione tra cui Teatro Cargo e Teatro della Tosse di Genova, Teatro di Dioniso e Fondazione Teatro Ragazzi e giovani di Torino, Cantieri Teatrali Koreja di Lecce, Teatro Potlach di Roma, Teatro Elicantropo e Teatro Stabile di Napoli, Napoli Teatro Festival, Festival delle Colline Torinesi, collaborando anche come scenografo aggiunto alla realizzazione di scene d’opera con i laboratori degli enti lirici Teatro Regio di Torino e Fondazione Petruzzelli di Bari.
Conduce da più di quindici anni stage e laboratori tematici di espressione e arti visive per Lalineascritta e ha realizzato a Napoli due mostre personali ispirate al tema della memoria e delle grandi opere letterarie (Antisouvenirs e Ardore) e ha curato per la nona edizione della manifestazione Strane Coppie il ciclo delle installazioni di luce a tema letterario realizzate con la scultrice Teresa Dell’Aversana
Come illustratrice ha curato la copertina Einaudi de I Demoni di Dostoevskij, e le tavole per i volumi ‘Le vacanze di Emily’, ‘Napoli sul mare luccica’ e ‘Bestiario napoletano’ di A. Cilento.
www.iolecilento.it

 

 

Costi

  • Pacchetto 2 giornate160 euro* (140 soci Lalineascritta)
  • Percorso completo380 euro* (340 soci Lalineascritta)

    (*+15 euro di tesseramento annuale per i non soci) 

Posti limitati: e’ necessario prenotare con anticipo contattando la segreteria de Lalineascritta

ISCRIVITI ONLINE

Con paypal o carta di credito

Seleziona tipo di iscrizione
Aggiungi un messaggio / nota


Con bonifico

all'IBAN IT49L0503403409000000022715
intestato a Associazione Culturale Aldebaran Park
specificando nella causale "Iscrizione Raccontare con le immagini"

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newletter

Ricevi nella tua casella email tutti gli aggiornamenti sulle nostre attività, corsi, eventi, appuntamenti.

mappa black

Lalineascritta ha la sua sede a Napoli (Vomero), in Via Kerbaker 23, all'interno della Galleria Vanvitelli (accanto a Unieuro) , al piano ammezzato.

E' a 50 metri dalla Metropolitana Linea 1 (fermata Piazza Vanvitelli) e da tutte le funicolari: Centrale, Montesanto e Chiaia.